Realizzaione siti web - Corsi informatica

Clayver: arriva a Simei l’alternativa alla Barrique, 3-6 novembre 2015 a Milano

Clayver1Alla Fiera di Milano dal 3 al 6 novembre il contenitore in gres che sta cambiando il modo di affinare il vino. Nuovo contenitore da 400 litri. PAD. 11 – STAND B17.

Per la prima volta a Simei (Salone Internazionale Macchine per Enologia e Imbottigliamento) Clayver, l’innovativo contenitore di forma sferica in gres per la vinificazione e l’affinamento del vino ideato dalla MimItalia di Savona.

Prodotto in serie dalla primavera di quest’anno dopo un anno e mezzo di sperimentazioni, l’appuntamento milanese dal 3 al 6 novembre sarà l’occasione per enologi e vignaioli di conoscerlo da vicino.

Fattore chiave il materiale con cui è costruito Clayver. È realizzato completamente in un particolare gres lavorato secondo un procedimento messo a punto dall’azienda. Ne deriva così un materiale molto più performante della terracotta, resistente agli urti e impermeabile, senza i problemi di assorbimento e di perdita di prodotto tipici dell’argilla. Un materiale comunque dotato di una microporosità che permette uno scambio gassoso con l’esterno. In quantità più limitata e su scale temporali più lunghe rispetto al legno, ma tale comunque ad indurre un’evoluzione nel vino, con il vantaggio di non avere nessuna cessione di sostanze aromatiche.

“Oggi – spiega Luca Risso, responsabile ricerca e sviluppo di MimItalia – sono già in commercio i primi vini affinati in Clayver dalle vendemmie 2013 e 2014. Sono prodotti che si dimostrano generalmente più freschi, fruttati e bilanciati rispetto agli stessi vini passati in acciaio”.

Una tecnologia che si sta affermando anche all’estero: Francia, Spagna, Germania, Ungheria, Repubblica Ceca e Sud Africa in paesi in cui le anfore sono state finora vendute.

A Simei MimItalia presenta il nuovo formato da 400 litri di Clayver, che si aggiunge a quelli da 40, 250 e 350. Inoltre, una nuova funzione opzionale con lo scarico dal basso. Si trova al Padiglione 11 – Stand B17.

Per informazioni www.clayver.it

COS’È CLAYVER

Clayver è un contenitore ceramico studiato espressamente per la vinificazione. Viene utilizzata sia per la fermentazione che per la conservazione e l’affinamento del prodotto.

PERCHÈ È NATA

Clayver nasce dalla ricerca di un team di professionisti con esperienza nei settori dei materiali e della ceramica con il preciso scopo di rispondere alla richiesta di contenitori performanti nel settore enologico. Clayver si propone come un’evoluzione del concetto di anfora in terracotta e come una delle più valide alternative alla barrique.

VANTAGGI DI CLAYVER

Come i contenitori in terracotta e le barrique Clayver permette la conservazione e l’evoluzione del vino, consentendo uno scambio di ossigeno, anche se in misura minore e quindi con tempi di affinamento più lunghi.

Clayver però è impermeabile ai liquidi, quindi non c’è la perdita di prodotto data dall’assorbimento che si registra con il legno, ma soprattutto con la terracotta. Non necessita inoltre dei trattamenti come il rivestimento o impregnazione con cera, resine e smalti che vengono frequentemente applicati alle anfore di terracotta.

Clayver non cede sostanze aromatiche al vino come il legno: un vino affinato in barrique sa di barrique, un vino affinato in Clayver NON sa di Clayver.

Infine Clayver ha una durata molto più lunga e si può riutilizzare un numero potenzialmente infinito di volte.

MATERIALI

Clayver è realizzato in un particolare tipo di gres omogeneo e compatto, simile per molti aspetti a un granito naturale. La ricerca che ha condotto a brevettare Clayver ha definito una particolare composizione del materiale, includendo una frazione grossolana costituita dallo stesso materiale cotto e rimacinato, tale da rendere il contenitore finale particolarmente resistente.

A differenza della terracotta infatti Clayver è caratterizzato da una resistenza meccanica elevata rendendone più agevole la manipolazione. La struttura microporosa intrinseca del materiale ceramico però può permettere uno scambio gassoso con l’esterno del recipiente ma solo in quantità molto limitata e su scale temporali molto lunghe. Il contenitore è quindi idoneo anche a lunghi invecchiamenti.

È inoltre garantito e idoneo in base alla normativa vigente al contenimento di alimenti.

A differenza dei contenitori in cemento non rivestito, la pulizia di Clayver è molto semplice. Possono essere usati acqua calda, vapore o soluzioni concentrate di acido tartarico, citrico ecc.

FORME

Clayver è idealmente una sfera dotata di un corto collo nella parte superiore su cui si realizza la chiusura.

Oltre a una indubbia valenza estetica, la forma sferica ha molteplici vantaggi: in fase di vinificazione sulle bucce essa mantiene il cappello a contatto con il mosto, facilitando l’estrazione del colore. In fase di fermentazione i moti convettivi non sono ostacolati e anzi contribuiscono al mantenimento di una massa omogenea e a un naturale rimescolamento delle fecce fini. In fase di conservazione lo spessore della parete garantisce una ottimale inerzia termica ed uno scambio omogeneo, tridimensionale e con la minore superficie possibile.

Il bordo superiore di Clayver è perfettamente planare e garantisce un eccellente accoppiamento con un semplice coperchio di vetro rettificato. Il coperchio può essere personalizzato, serigrafato e trattato contro gli UV.

CAPACITÀ

Clayver è disponibile nella capacità di 40, 250, 350, 400 litri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *