Realizzaione siti web - Corsi informatica

formaggio

Da Sabato 21 settembre 2013 a Bra; L’Ecomuseo delle Acque di Gemona (Udine) invitato da Slow Food a Cheese 2013

Sabato 21 settembre nell’ambito dell’edizione 2013 di Cheese in programma a Bra (Cuneo), l’Ecomuseo delle Acque del Gemonese presenterà il nuovo presidio Slow Food del formaggio delle latterie turnarie di Campolessi e di Buja, partecipando a un Laboratorio del Gusto con altri ecomusei piemontesi e trentini. E’ un riconoscimento che premia progetti e azioni di una realtà che ha contribuito a fare del Gemonese il territorio a più alta concentrazione di Presidi del Friuli Venezia Giulia. Continua a leggere

Gara gastronomica delle latterie. Sabato 1/6/2013, dalle 16, Trattoria “Da Vico”, frazione di Caporiacco di Colloredo di Monte Albano (Udine)

Grande festa del formaggio questo sabato, primo giugno 2013, dalle 16, presso la Trattoria “Da Vico” a Caporiacco di Colloredo di Monte Albano (Ud). L’evento prevede un assaggio di formaggi da parte di  una giuria Onaf e, nel giardino, alle 16.30 una dimostrazione della trasformazione del latte in mozzarella, burro e formaggi a cura dei casari Stefano Titolo e Sergio Cecconi, con successiva golosa degustazione. L’evento, “Nato il primo marzo”, patrocinato dal Comune di Colloredo, è una gara gastronomica delle latterie che prevede, al termine, la valutazione del formaggio più  — segue  — clicca  — Continua a leggere

PER, un posto stimolante e unico, a Bagnolo di San Pietro di Feletto (Treviso)

Si scrive PER, si legge Percorsi Enogstronomici di Ricerca e si mangia…bene. Bene e inusuale. Descriverlo è difficile, abbiamo tentato di farlo con gli amici, ma la conclusione è stata quella di programmare una serata assieme, perché è più facile capire se entri in questo posto e apri gli occhi. E il naso anche. Come potremmo definirlo: un ristolatteria, una formaggioteca, un negozio con ristorante, un bar con spuntini e panini, un raffinato mix di stili e gusti e proposte. Tutto questo e anche di più, ma PER è soprattutto un posto dove si vende formaggio. Molto formaggio, molti formaggi e il bancone è davvero infinito, con vaccini e caprini declinati in molti modi, anche sperimentali, tipo il formaggio ricoperto con cera d’api che ha vinto premi praticamente i tutto il mondo.

Entri in questo negozio di salumi selezionali, di prodotti di nicchia, di olio, birra e vino e di formaggi e  fianco, stessa sala, c’è il ristorante, tradizionale e con banconi alti da spuntini, elegante e informale, con moltissimi giovani e famiglie, pieno dall’ora di aperitivo a tarda sera. E quello che mangi poi lo puoi anche acquistare. Certo, la base, perché molto ci mettono i giovani cuochi in vista dietro la vetrata e i piatti che escono sono eleganti e raffinati, e belli da vedere oltre che buoni da mangiare. Poi la scelta del vino, spiegata, e visto che siamo in zona, delle buone bollicine per iniziare sono le benvenute. Il vero tesoro sta sotto terra, nelle mille e mille forme messe a maturare, oppure pronte per le spedizioni, in tutto il mondo, e non è un modo di dire. Sopra invece c’è la terrazza, fresca d’estate con una bella vista sui colli del Prosecco e con un arredamento minimalista molto gradevole. Serata saporita si diceva, proviamo a tracciarne il percorso. Antipasto con crema di Robiola e crostini, vino Prosecco Canah brut dell’azienda Perlage, siamo in zona e quindi bollicine super. Poi un piatto di formaggi con le pere, formaggio fritto, formaggio con amarene e mousse di robiola. Il primo piatto era ottimo: ravioli con castagne e zucca e letto di panarello, che è un formaggio che sa di crosta di pane. Il piatto centrale era una tenerella di vitello al forno, cotta sottovuoto per sei ore a 70°, accompagnata da carciofi e fonduta; come vino è stato servito un Wildbacher rosso di Collato, azienda del Castello di Susegana. Per concludere un tris di formaggi e poi ala fine il premiatissimo formaggio alla cera d’api, ovvero maturato 18 mesi, base Montasio, e coperto appunto dalla cera d’api: ottimo. Conclusione (mancava un Torcolato), con tortino caldo di pere. Dopo la cena, visita al caveau dei formaggi e spiegazioni varie da parte dei titolari, Carlo Piccoli e la gentile consorte Emanuela Perenzin. Padrone di casa il Sindaco di S.Pietro di Feletto, il simpatico Loris Dalto, accompagnato da assessore e tecnico del comune. Una bela realtà, nuova e gradita dal pubblico: era piena infatti la sala, con molti giovani e anche famiglie. Rapida visita anche alla terrazza, godibile in estate. L’abbinamento formaggi e cucina si è rivelato azzeccato, anche se alla base c’è una storia lunga di produzioni di formaggi soprattutto caprini e da late biologico. Un posto da visitare. seguono foto Continua a leggere

Formaggio e dintorni a Gemona del Friuli (Udine) 10 e 11 novembre 2012

Edizione numero tredici, quella di “Gemona, formaggio e… dintorni”, in programma nel weekend del 10 e 11 novembre. La manifestazione della Pro Glemona – nata per promuovere i prodotti lattiero-caseari delle latterie turnarie e più in generale le prelibatezze gastronomiche tipicamente friulane – si svolgerà come sempre nel centro storico della  località pedemontana: qui verranno distribuiti vari punti di degustazione e decine di stand, anche di espositori provenienti da fuori regione o dalle nazioni confinanti. Numerosi, al solito, gli eventi collegati, ivi compresi il secondo concorso regionale per formaggi a latte crudo, le dimostrazioni pubbliche di come si lavora il formaggio, le visite guidate, le mostre e tanto altro ancora. Il concorso “Indovina l’oggetto misterioso”, metterà pure quest’anno in palio un’intera forma di ottimo Montasio. All’ormai tradizionale kermesse gemonese sarà inoltre abbinata la “Mostra regionale del bovino da latte”, a cura dell’Associazione Allevatori del Friuli Venezia Giulia, in collaborazione con l’ERSA e l’Università degli Studi di Udine. Testimonial d’eccezione di “Gemona, formaggio… e dintorni” sarà quest’anno il giornalista e critico gastronomico Edoardo Raspelli, conduttore del programma televisivo “Melaverde”, in onda la domenica su Canale 5. Ad accompagnarlo, nella giornata dell’11 novembre, Francesca Cavallotti, già definita la nuova regina del “burlesque”.

il programma ufficiale di Gemona, formaggio… e dintorni:  Continua a leggere

“Formaggio in Villa” a Villa Braida a Mogliano Veneto (TV), dal 3 al 5 marzo 2012

La storica Cantina Mionetto di Valdobbiadene parteciperà alla manifestazione dedicata ai formaggi più buoni d’Italia con un proprio stand nel quale sarà possibile degustare le sue prestigiose bollicine. Appuntamento speciale domenica 4 marzo alle ore 17.30 per un esclusivo abbinamento con le originali proposte in vasocottura dello Chef Cristian Mometti. Sabato 3 marzo alle 16 e lunedi 5 marzo alle 11.30 in abbinamento con i formaggi de La Casearia Carpenedo. Il programma completo della manifestazione è su www.cartadaformaggio.it

Gli incontri 2012 di Friuli Future Forum: “Il miracolo delle malghe”

Come il coraggio di progettare il futuro  abbia salvato il passato.  Assaggi dei “malga”, formaggi da emozione.  Condotto da Walter Filiputti.  Lunedì 13 febbraio 2012 – ore 18.00.  Ingresso libero. Posti limitati. Necessaria la conferma di partecipazione. Per informazioni e prenotazioni,  tel 0432 273532 o info@friulifutureforum.com

Il Fossa di Cormons pronto per Natale 2011 e Capodanno 2012

È in consegna anche quest’anno il Fossa di Cormons, il formaggio di Piccolo Collio. Un progetto ideato e realizzato tra La Subida e la famiglia Zoff di Borgnano. Una tecnica di affinamento che ha le sue origini nell’entroterra romagnolo, il suo gusto particolare, forte è dovuto alla fermentazione in fosse tufacee, noi abbiamo adottato questo metodo affinando i nostri formaggi. Renato pratica l’infossatura un’unica volta l’anno, per la Madonna d’Agosto, con la paglia appena mietuta. Le forme di formaggio, che hanno viaggiato di notte per evitare gli sbalzi di temperatura, vengono inserite in candidi sacchetti di cotone, con il numero di riconoscimento applicato alla legatura. Le forme così avvolte, vengono riposte nella Fossa, all’interno della quale è stato montato un doppio fondo in modo tale che il grasso che percola defluisca e non inzuppi le file di sotto.  Così stivate, nella Fossa di Renato ci vanno forme di formaggio per un totale di 80 quintali! Presto sarà disponibile in molteplici ristoranti in tutto il Friuli, di cui la lista sarà pubblicata . Associazione Piccolo Collio.